STRESS E FAMIGLIA

Maggio 4, 2020
Categoria: FAMIGLIA , STRESS

Stress e famiglia

Mi viene spesso chiesto quanto l’eccesso di stress sia tossico nella nostra vita. La risposta è relativamente semplice: molto!

Non mi sto riferendo solo alla dimensione individuale, lo stress aggredisce tutte le aree della nostra vita, da quelle lavorative a quelle familiari.

Il termine “stress” per come lo intendiamo noi è nato nella prima metà del secolo scorso e richiama proprio il concetto fisico del mettere sotto pressione. Per gli esseri umani il concetto è infatti similare, ci sono determinati eventi che ci mettono sotto pressione  (under pressure come dicevano i mitici Queen!). Hans Selye definì lo stress come “la risposta specifica dell’organismo ad ogni richiesta effettuata su di esso”.

L’ho scritto in diversi articoli e lo ripeto: siamo pessimi ascoltatori (di noi stessi). Ci capita talvolta di essere considerati i migliori confidenti, amiconi, confessori o confidenti del quartiere… ma noi stessi ascoltiamo noi stessi?  Se siamo stressati probabilmente no.

Non è che diveniamo stressati da un giorno all’altro! Lo stress cronico è un vero e proprio pellegrinaggio che gradualmente porta all’esaurimento delle nostre risorse individuali. Potremmo definire lo stress un fenomeno subdolo che pezzo dopo pezzo sottrae risorse, tempo ed energie. Se ci accorgiamo troppo tardi di essere in“ riserva energetica” significa che abbiamo perso un sacco di energie che non torneranno certo dalla mattina alla sera!

In base al modello di Selye, il pellegrinaggio stressogeno si compone di tre tappe distinte:

1 – fase di allarme: il soggetto segnala che ne ha “fin sopra i capelli” e poi si mette in moto per resistere

2 – fase di resistenza: il soggetto normalizza questa situazione di sbilanciamento: “consuma più risorse di quante non ne produce”

3 – fase di esaurimento: In questa fase semplicemente vi è un collasso del soggetto. Le risorse finiscono ed entriamo nel magico mondo delle sintomatologie fisiche, comportamentali e psicologiche

… Fortuna vuole che alcuni segnali ce li auto-inviamo, e se siamo abbastanza bravi da ascoltarli forse non faremo la fine delle rane bollite! Cerchiamo quindi di capire quanto bravi siamo in qualità di ascoltatori di noi stessi.  Per  motivi di semplicità suddividerò in tre categorie i disturbi, ma attenzione…  non dobbiamo aspettare di averli tutti per definirci stressati!

Prima dimensione. Il comportamento.

Questa dimensione è caratterizzata da azioni che potrebbero essere riconducibili allo stress:

  • Stile di vita malsano, come per esempio mangiare male, dormire poco, interruzione di attività sportive o ricreative
  • Aumento dell’utilizzo di sostanze quali, alcool, fumo, droghe leggere o meno, ansiolitici, calmanti, psicofarmaci ecc.
  • Comportamenti aggressivi molto frequenti con le persone che ci stanno attorno.

Seconda dimensione. Il fisico.

Normalmente questa è la prima dimensione che si fa sentire, alcuni dei disturbi più comuni possono essere:

  • Irritazioni alla pelle
  • Disturbi allo stomaco
  • Tremori e tic, mal di testa ecc.
  • Disturbi muscolo scheletrici, mal di schiena
  • Immunodepressione (ogni raffreddore o influenza è nostra!)

Terza dimensione. La psiche

Le manifestazioni più comuni sono:

  • Disturbi dell’umore
  • Disturbi del sonno
  • Apatia
  • Scarso desiderio sessuale
  • Ansia cronica
  • Difficoltà di concentrazione
  • Stato cronico di allarme.

A questo vorrei fare una semplice domanda. Quanto queste sintomatologie riconducibili allo stress possono impattare sulla famiglia? La risposta è scontata: molto. Potremmo perfino affermare che lo stress è una patologia individuale, ma anche familiare. Se parliamo di famiglia dobbiamo considerare un organismo con propri specifici equilibri strutturati nel tempo. Pensate forse che queste micro bombe atomiche non impattino su essi?

 

 

Dott. Matteo Marini

Coordina dal 2015 i 19 psicologi scolastici e i 4 educatori dell’associazione Sinodia. Lo staff lavora in diverse scuole di secondo grado in Toscana tanto che negli anni hanno lavorato su una popolazione di più di 15.000 studenti. Le attività prevalenti dell’associazione Sinodia sono le seguenti: gestire gli sportelli di ascolto, la peer education, gli incontri con i genitori, il bullismo ecc. E’ autore di quattro libri (Manuale di Psicologia Sgarbata, Fucking Monday, Happy Worker, Uno Psicologo alle superiori). Fa parte del gruppo di lavoro di psicologi scolastici dell’Albo degli Psicologi della Toscana nel quale ha l’opportunità di confronto costante con specialisti del settore della psicologia scolastica. Si occupa da 20 anni di formazione, sia in contesti scolastici, che privati sia in realtà complesse come il lavoro con i drop-out in situazioni problematiche di matrice familiare, di dipendenza o marginalità sociale. Insegna in Master e corsi professionali delle Università di Siena e Firenze.

Altri post che potrebbero interessarti

AIUTO, MIO FIGLIO SI ARRABBIA SEMPRE!

AIUTO, MIO FIGLIO SI ARRABBIA SEMPRE!

Sembra una bomba ad orologeria, scalpita, urla e in quei momenti è difficile mantenere la calma. Prima di capire cosa possiamo fare noi genitori per gestire questa situazione, vediamo quali sono i motivi che spesso spingono i bambini a diventare aggressivi: Modo per...

GENITORI AI TEMPI DEL COVID

GENITORI AI TEMPI DEL COVID

“Mamma possiamo prendere l’aereo e andare in un posto nuovo come abbiamo fatto quella volta? Possiamo tornare a vedere i delfini? Possiamo andare in un parco giochi grade come quelle della televisione? Per il mio compleanno, possiamo fare una festa grande e invitare...

TRISTEZZA A NATALE

TRISTEZZA A NATALE

Un Natale di ricordi, tanti Natali fa.. Come possiamo scacciare la malinconia natalizia quando abbiamo perso una persona cara? E perché aumenta proprio a Natale? Sara è appena entrata nel mio studio. Mi sta raccontando di quanto sia difficile questo periodo. È il mese...

Form contatto Dott. Matteo Marini

Privacy:

Commenti

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scriviti alla nostra newsletter per non perdere nessun articolo! Ho letto le informativa privacy e cookie

Ricerche Frequenti

Iscrizione Newsletter

Iscrizione Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere in tempo reale le ultime novità.

Privacy

Grazie! Iscrizione avvenuta.

Pin It on Pinterest

Share This