QUELLO CHE LE MAMME NON DICONO

Agosto 18, 2020
Categoria: MATERNITA

Rabbia, tristezza, solitudine, paura di non farcela. Perché nessuno ne parla?

Molte donne provano queste ed altre emozioni in gravidanza, da neo mamme e anche quando i figli sono cresciuti. La vergogna, il timore del giudizio altrui e la paura di esporre le proprie fragilità prendono il sopravvento ed è difficile condividerle.

Non puoi permettertele visto che ci sono persone che desiderano tanto diventare genitori e magari non ne hanno la possibilità! “Hai voluto la bicicletta” e ora devi pedalare.

 

Non te ne accorgi neppure e ad un tratto le tue emozioni diventano indicibili

È importante sapere però che è tutto normale! Non sei tu strana o inadatta! Sei semplicemente una mamma, come tante altre, di fronte ad una esperienza tra le più impegnative e straordinarie della vita!

Sì, perché la maternità per sua natura comprende certe emozioni scomode, sgradevoli e inaspettate che tuttavia hanno tutto il diritto di essere ascoltate. Essere a conoscenza dell’esistenza di determinate emozioni e pensieri avrebbe risparmiato tante mamme dalla sensazione di essere sbagliate.

 

Perché la maternità è descritta perlopiù come un’esperienza solo fantastica, mistica e priva di ombre?

La mia esperienza racconta di una maternità diversa da quella che mi era stata spiegata.

Personalmente risceglierei di essere mamma e rifarei i sacrifici che mi hanno portato ad essere chi sono oggi. Se tuttavia si parlasse apertamente anche di questi “lati oscuri” della maternità sarebbe decisamente più facile affrontare certi momenti e certi vissuti con meno paura … e più accoglienza.

“Non ci preparano abbastanza alla maternità”. “L’arrivo di un esserino ti stravolge la vita.” Queste frasi, sentite spesso quasi come proverbi, lasciano spazio all’immaginario, dicono tutto senza rivelare nulla. Finché non passi personalmente da questa esperienza non ti rendi conto di cosa significano veramente.

Teoricamente i nove mesi di gestazione servono non solo a preparare il corpo della madre alla nascita, ma anche a metabolizzare i cambiamenti cui la mamma andrà incontro.

Ma ciò non basta … finché nessuno parlerà chiaramente (senza indorare la pillola) dello tsunami emotivo, fisico e mentale che arriverà a farti visita, quei nove mesi sono sprecati.

  • Io avrei voluto tanto sapere che ci sarebbero state giornate in cui il piccolo avrebbe pianto e io non avrei saputo identificare subito i suoi bisogni e calmarlo.
  • Avrei voluto sapere che l’allattamento oltre ad essere un miracolo della natura umana è infinitamente stancante e faticoso.
  • Avrei voluto sapere che non era tanto strano ritrovarsi a piangere senza un motivo apparente.
  • Avrei voluto sapere che certi giorni sarei stata obbligata a mettere da parte i miei bisogni.
  • Avrei voluto sapere che il senso di inadeguatezza, nonostante tutti gli sforzi per fare bene era dietro la porta.
  • Avrei voluto sapere che la mancanza di sonno poteva portarti all’estremo delle forze.
  • Avrei voluto sapere che la vita di coppia si sarebbe momentaneamente appiattita.
  • Avrei voluto sapere che conciliare il lavoro e la maternità sarebbe stata un’impresa ardua.
  • Nessuno mi aveva nemmeno detto che il tempo per sé sarebbe diventato introvabile e la libertà irraggiungibile… E che non tutte le persone che avrebbero voluto darti una mano erano poi in grado di farlo.

 

Si parla di “baby blues” e di “depressione post partum”, ma cosa c’è nel mezzo?

La maggior parte delle mamme con cui parlo hanno provato emozioni scomode e frustranti, ma poche le condividono. Non si raccontano per davvero perché le aspettative che piovono su di loro sono pesanti come macigni. Esprimere che non è tutto bello e meraviglioso sembra quasi una colpa. L’hai desiderato tanto, come puoi ora non essere felice?

Le mamme hanno bisogno di altro, di essere ascoltate e viste senza pregiudizi, di essere accolte e sostenute.

 

Cosa fare allora?

Non ci sono soluzioni magiche, ma il primo passo è proprio parlarne!

Inizia a farlo: lascia scorrere le parole e fluire le emozioni, è davvero terapeutico. Vedrai come ti sentirai più leggera!

Ricorda inoltre che:

  • Gli sbalzi umorali e ormonali sono fisiologici, soprattutto poco dopo la nascita del bambino. Datti tempo per assimilare il cambiamento
  • Essere genitori è un compito arduo e stressante. In alcuni momenti è normale sentirsi stanchi e affaticati (fisicamente e mentalmente)
  • Staccare e concedersi del tempo per riposare è di grande sollievo
  • Più impari a conoscere tuo figlio più riuscirai a gestire le difficoltà
  • Saper chiedere aiuto non è una debolezza, bensì una risorsa

Ovviamente rimango a disposizione per qualsiasi chiarimento!

 

Dott.ssa Chiara Maisano

Lavoro come libera professionista occupandomi prevalentemente di disturbi d’ansia e dell’umore, nonché di problematiche di natura relazionale, affettiva ed emotiva. Da diversi anni collaboro con istituti superiori fiorentini svolgendo attività di sostegno agli studenti e conducendo interventi nelle classi e di supporto alla genitorialità. Da quando sono diventata mamma mi sono appassionata alla psicologia perinatale, approfondendo temi che riguardano soprattutto la maternità e le difficoltà che inevitabilmente ogni genitore si trova ad affrontare. Conduco gruppi di training autogeno che, tra i tanti benefici facilita la presa di consapevolezza e il rilassamento, migliorando le prestazioni personali e la gestione dello stress.

Altri post che potrebbero interessarti

LEGGERE AI BAMBINI È IMPORTANTE.

LEGGERE AI BAMBINI È IMPORTANTE.

Un milione di volte più di quello che si pensa leggere ai bambini è importante. Una ricerca inglese ha dimostrato che i bambini piccoli ai cui vengono letti libri conosceranno un milione di parole in più, quando andranno alla scuola primaria, rispetto ai compagni a...

GENITORI AI TEMPI DEL COVID

GENITORI AI TEMPI DEL COVID

“Mamma possiamo prendere l’aereo e andare in un posto nuovo come abbiamo fatto quella volta? Possiamo tornare a vedere i delfini? Possiamo andare in un parco giochi grade come quelle della televisione? Per il mio compleanno, possiamo fare una festa grande e invitare...

Form contatto Dott.ssa Chiara Maisano

Privacy:

Commenti

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scriviti alla nostra newsletter per non perdere nessun articolo! Ho letto le informativa privacy e cookie

Ricerche Frequenti

Iscrizione Newsletter

Iscrizione Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere in tempo reale le ultime novità.

Privacy

Grazie! Iscrizione avvenuta.

Pin It on Pinterest

Share This