DISOCCUPAZIONE: SUGGERIMENTI PER AFFRONTARLA

problema disoccupazione aiuto psicoterapeuta psicologo
Novembre 13, 2020
Categoria: AUTOSTIMA , STRESS

Diciamo la verità: essere disoccupati è una gran bella seccatura!

Non avere un lavoro, esser costretti a ridurre ai minimi termini le spese per far quadrare i conti, e ritrovarsi spesso a casa, soli ad inviare curriculum, è una cosa spesso difficile da accettare.

Ma ritrovarsi disoccupati dopo tanti anni di studio, magari dopo una laurea, master vari, e dopo aver provato in ogni modo a trovare un lavoro fa male, tanto male!

 

TRATTO DA UNA STORIA VERA

Così come è successo a Roberta (nome di fantasia), una giovane donna che si è presentata in studio da me spinta dai genitori: non sopportavano più l’idea di vederla passare le sue giornate sul divano, sempre più triste, quasi come se fosse senza speranza.

Ebbene sì, così come Roberta mi ha confidato, stava perdendo pian piano la speranza di trovare un lavoro e recuperare la serenità perduta. Aveva dovuto lasciare la casa in affitto che aveva preso perché non riusciva più a pagarne le spese. Perciò, era stata costretta a tornare a vivere dai suoi genitori, sentendosi molto abbattuta per questo.

E nonostante loro non le facessero pesare niente, provando come potevano ad incoraggiarla, il suo umore sembrava peggiorare di giorno in giorno: si sentiva un fallimento ai loro occhi.

Così, dopo mesi trascorsi a proporre la propria candidatura nelle sedi più disparate, Roberta stava cominciando a mollare la presa! Le porte in faccia ricevute le sembravano troppe, e dentro di lei si faceva strada l’idea che non ce l’avrebbe mai fatta.

Si sentiva sconfitta, un fallimento totale, come donna e come professionista.

 

CONSEGUENZE PSICOLOGICHE DELLA DISOCCUPAZIONE

La perdita del lavoro viene percepito come uno degli eventi più stressanti nella vita di un individuo. A livello psichico, perdita dell’autostima, senso di impotenza e di fallimento sono sensazioni molto comuni. Se protratti nel tempo, possono sfociare in sintomi ben più gravi, come disturbi del sonno, ansia e attacchi di panico, fino alla depressione.

La persona si ritrova spesso a casa, da sola, a causa della riduzione drastica dei rapporti interpersonali. Di conseguenza, sono maggiori le probabilità che possa mettere in atto condotte dannose, come fumare tanto, mangiare in modo scorretto, abusare di alcol e altri comportamenti rischiosi. Tra questi, come spesso ci riportano numerosi fatti di cronaca, il più noto è quello del suicidio.

In una situazione del genere, le persone tendono spesso a ripetersi frasi come: “Non c’è più nulla da fare!”, “Ho fallito per sempre”, e così via.

 

A volte quella che sembra una sconfitta può rivelarsi un’opportunità

Con la pandemia la disoccupazione è aumentata a dismisura. Questo, molto spesso, finisce per essere una crisi profonda nella vita di un individuo.

La parola “crisi” ha un doppio significato che contiene al suo interno sia l’insorgere di un evento critico imprevisto e inaspettato, ma al tempo stesso può diventare un cambiamento e un’opportunità.

 

Alcuni piccoli consigli per “lavorare” mentre cerchiamo un lavoro…

Il segreto è pianificare le attività, con alcuni piccoli e semplici passi.

  • Le emozioni non sono mai sbagliate, e se queste ci colpiscono troppo è bene e importante chiedere aiuto.

 

  • Prova a darti degli obiettivi quotidiani, come ad esempio utilizzare alcune ore specifiche della giornata per la ricerca del lavoro. Questo ti aiuterà a mantenerti attivo e aggiornato, e a tenere la mente fresca ed elastica.

 

  • Cerca tra le cose che puoi fare nella tua zona, un hobby che possa darti piacere: questo aiuterà a rendere il tuo tempo produttivo.

 

  • Appena puoi, comincia a praticare sport, che sia una semplice passeggiata, una corsetta all’aria aperta o altre attività. In questo modo avrai a disposizione un toccasana naturale formidabile che aumenta il rilascio di endorfine, gli ormoni del buonumore, e aiuta a combattere ansia e depressione.

Autrice: Antonella Santo

Altri post che potrebbero interessarti

GENTILEZZA È BENESSERE

GENTILEZZA È BENESSERE

La gentilezza è come la neve. Abbellisce tutto ciò che copre. (Kahlil  Gibran) Gentilezza come forza benefica La gentilezza può essere un modo per vivere meglio? Come può un gesto gentile influire positivamente nella vita quotidiana? Vi è mai capitato di ricevere o...

BENESSERE ED ARCHITETTURA

BENESSERE ED ARCHITETTURA

Uno spazio per esprimersi Sentirsi bene significa stare bene! I posti in cui viviamo sono lo specchio di ciò che siamo o che vorremmo. Possiamo migliorare la nostra esistenza attraverso lo spazio che ci circonda? L’arredamento, i colori e gli odori possono modificare...

Form contatto Dott.ssa Antonella Santo

Privacy:

Commenti

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scriviti alla nostra newsletter per non perdere nessun articolo! Ho letto le informativa privacy e cookie

Iscrizione Newsletter

Iscrizione Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere in tempo reale le ultime novità.

Privacy

Grazie! Iscrizione avvenuta.

Pin It on Pinterest

Share This