AIUTO, MIO FIGLIO SI ARRABBIA SEMPRE!

mio figlio è sempre arrabbiato SI ARRABBIA
Giugno 18, 2021
Categoria: FAMIGLIA

Sembra una bomba ad orologeria, scalpita, urla e in quei momenti è difficile mantenere la calma. Prima di capire cosa possiamo fare noi genitori per gestire questa situazione, vediamo quali sono i motivi che spesso spingono i bambini a diventare aggressivi:

  • Modo per attirare l’attenzione dell’adulto
  • Si sente sbagliato e giudicato dalle persone di riferimento o dai pari
  • Separazione da una persona amata
  • Gelosia di un fratello /sorella
  • Una frustrazione: non può ottenere qualcosa che desidera/ si aspettava che qualcosa andasse diversamente/ non è stata mantenuta una promessa
  • Stanchezza eccessiva

 

Per fare in modo che l’emozione si plachi è necessario innanzitutto che il bambino si senta capito! Accogliamolo sempre, spiegando cosa sta succedendo e ipotizzandone la motivazione!mio figlio SI ARRABBIA sempre

(Es. “Piangi e ti butti a terra perché sei molto arrabbiato che la mamma sta uscendo?”

oppure “Ti vedo tutto accaldato e vorresti esplodere di rabbia. Volevi giocare un altro po’ e invece è ora di mangiare?”)

 

Ignorare le manifestazioni di rabbia, ma di qualsiasi altra emozione, non porta a niente!

Diversi studi infatti dimostrano che genitori che rispondono prontamente alle emozioni dei figli e cercano di confortarli stabiliranno più probabilmente un attaccamento sicuro. Un attaccamento sicuro significa una migliore capacità di gestione delle emozioni, fiducia nelle figure di riferimento, minore ostilità verso l’ambiente circostante, insomma, tutto di guadagnato!

Insegniamogli quindi ad ascoltare la propria rabbia, trasmettendo loro che il problema non è l’emozione! Tutti i sentimenti sono accettabili ma non tutti i comportamenti!

 

Come aiutarlo a gestirla? Esistono diversi modi!

  • Costruisci con lui “Il cestino della rabbia”

Scegli un cestino o una scatola abbastanza grande che utilizzerete esclusivamente per questo scopo. Decidi un luogo specifico in cui riporlo e ogni volta che il bambino è arrabbiato, chiedigli di disegnare su un foglio la sua rabbia. Non dare indicazioni, lascialo libero di esprimersi. Quando avrà finito, commentate il disegno insieme, poi chiedigli di accartocciare il foglio e di gettarlo nel cestino della rabbia. A questo punto prova a fargli esprimere le emozioni che sta vivendo, non giudicarlo ma ascoltalo! Questo gioco lo aiuterà a capire che la rabbia può essere vissuta, scaricata e compresa da mamma e papà.

 

  • Suggeriscigli di scaricare la tensione fisicamente

Incoraggialo a saltare fisicamente sul posto, con la corda o a correre in giro nella stanza oppure costruisci una capanna di cuscini dove si può lanciare e scaricare la sua rabbia esplosiva!

L’importante è non farsi e fare del male!

 

  • Scegli attività piacevoli e rilassanti

Trova delle attività che tranquillizzano il tuo bambino:

  • mandala da colorare
  • “angoli coccolosi “dove dedicarsi del tempo tra massaggi, carezze e abbracci
  • costruisci e utilizza il “barattolo della calma” (su youtube trovi tantissimi tutorial!)

 

  • Aiutalo con le favole

Le favole possono aiutarlo a sentirsi compreso e a ritrovare il benessere!

Leggete insieme dei libri che affrontano l’argomento come “Che rabbia” di Mireille D’Allancé oppure “Le fiabe per affrontare la rabbia. Un aiuto per grandi e piccini “  di Aringolo Katia, Corelli Livia e Monaldo Ilaria, 12 diverse favole adatte a varie forme di rabbia che il bambino può sperimentare.

Potete costruire anche una storia con voi come protagonisti, sbizzarrite la fantasia!

Quando chiedere aiuto?

Quando la rabbia diventa una modalità persistente di comportamento (manifestata quindi sia a casa che a scuola, sia con gli amichetti che con i genitori) e quindi non è più legata ad una tensione temporanea probabilmente è il segnale di un disagio psicologico del bambino Quando ciò accade è altamente consigliato chiedere aiuto ad uno psicologo per poter valutare insieme quei fattori che possono aver portato il bambino a manifestare tanta aggressività. Prima si agisce prima si trova una soluzione!

 

“Per imparare a camminare, i bambini devono cadere.

Per imparare a mangiare da soli, devono sporcarsi.

Per imparare a costruire intere frasi, devono prima pronunciare singole parole.

Per imparare a controllare la rabbia, devono essere prima liberi di arrabbiarsi.

E le prime volte lo faranno inevitabilmente male!”    

Elisabetta Rossini-Elena Urso

 

AUTRICE: Dott.ssa Chiara Maisano, mamma, psicologa e psicoterapeuta

Dott.ssa Chiara Maisano

Lavoro come libera professionista occupandomi prevalentemente di disturbi d’ansia e dell’umore, nonché di problematiche di natura relazionale, affettiva ed emotiva. Da diversi anni collaboro con istituti superiori fiorentini svolgendo attività di sostegno agli studenti e conducendo interventi nelle classi e di supporto alla genitorialità. Da quando sono diventata mamma mi sono appassionata alla psicologia perinatale, approfondendo temi che riguardano soprattutto la maternità e le difficoltà che inevitabilmente ogni genitore si trova ad affrontare. Conduco gruppi di training autogeno che, tra i tanti benefici facilita la presa di consapevolezza e il rilassamento, migliorando le prestazioni personali e la gestione dello stress.

Altri post che potrebbero interessarti

GENITORI AI TEMPI DEL COVID

GENITORI AI TEMPI DEL COVID

“Mamma possiamo prendere l’aereo e andare in un posto nuovo come abbiamo fatto quella volta? Possiamo tornare a vedere i delfini? Possiamo andare in un parco giochi grade come quelle della televisione? Per il mio compleanno, possiamo fare una festa grande e invitare...

TRISTEZZA A NATALE

TRISTEZZA A NATALE

Un Natale di ricordi, tanti Natali fa.. Come possiamo scacciare la malinconia natalizia quando abbiamo perso una persona cara? E perché aumenta proprio a Natale? Sara è appena entrata nel mio studio. Mi sta raccontando di quanto sia difficile questo periodo. È il mese...

Form contatto Dott.ssa Chiara Maisano

Privacy:

Commenti

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scriviti alla nostra newsletter per non perdere nessun articolo! Ho letto le informativa privacy e cookie

Ricerche Frequenti

Iscrizione Newsletter

Iscrizione Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere in tempo reale le ultime novità.

Privacy

Grazie! Iscrizione avvenuta.

Pin It on Pinterest

Share This